10 bellissime esperienze da fare a Trinidad

10 bellissime esperienze da fare a Trinidad. Viaggio nella colonia spagnola più spettacolare di Cuba, dove gli orologi sembrano essere fermi da più di cinquanta anni.
Trinidad è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1988. La sua ricchezza  patrimoniale si deve, in particolar modo, all’espansione economica nell’industria zuccheriera, portata a termine dall’aristocrazia locale.
La città è un museo a cielo aperto: possiede circa cinquanta piccoli palazzi e tantissimi altri edifici ricchi di storia; come la chiesa Iglesia Parroquial de la Santísima Trinidad, il Museo Romantico situato a Palacio Brunet, la Casa Templo de Yemayá, in cui si innalza un altare dedicato alla divinità del mare.

Trinidad è un mix di atmosfere incantevoli che vi regalerà esperienze incredibili. Se i suoi suntuosi palazzi in stile coloniale stupiscono per gli affreschi italiani, le porcellane e le decorazioni francesi, le strade rivelano un’altra ricchezza: quella dimensione viva e irresistibile…tipica di Cuba.
Vicoli acciottolati, animati dai guajiros (gente di campagna) vestiti in pelle con appresso i loro asini sbuffanti; piccoli musicisti melodici agli angoli delle strade, fumatori di sigari in ogni dove, flotte di turisti in cerca del miglior mojito.
Se di giorno Trinidad è la tranquillità melodica dei suoi “trovatori”, di notte quando le luci calano la città si anima di musica dal vivo, danze ammiccanti e allegria.
Tutt’intorno, ad abbracciarla la natura tropicale offre un lussureggiante parco giochi di spiagge dorate, sentieri e cascate. Soli a 12 chilometri a sud la Playa Ancón, la migliore spiaggia della costa meridionale di Cuba, mentre 18 km a nord, le sfumature color porpora delle montagne dell’Escambray. 10 bellissime esperienze da fare a Trinidad


1- Visitare la Valle dei Mulini a Zucchero

Visitate la Valle de Los Ingenios in gita di un giorno per conoscere la storia del commercio cubano. L’industria dello zucchero che garantì grande ricchezza a Trinidad e all’intera Cuba, era concentrata in questa valle, dove circa 30.000 schiavi lavoravano in 70 mulini e piantagioni di zucchero. Oggi è possibile visitare alcune delle piantagioni in cui la più imponente e intatta è quella di Manaca-Iznaga.

2- Un giro a cavallo alla cascata di El Pilon

Godetevi la rigogliosa vegetazione circostante, per poi nuotare nelle rilassanti acque della cascata di El Nicho, la più famosa del suo genere e la più difficile da raggiungere. In alternativa, Vegas Grande è secondo i locali la più pittoresca.

3- Visitare una fattoria di sigari

Potreste visitare una fattoria del tabacco per vedere come nascono i famosi sigari cubani.
Quando Cristoforo Colombo sbarcò a Cuba nel 1492, la gente del posto fumava da secoli. Chiamarono la pianta del tabacco cohiba e usavano rotolarlo in foglie di mais o foglie di palma prima di fumare.
Questa prima forma di sigarette incuriosì Colombo che si portò del tabacco in Spagna. Non molto tempo dopo gli spagnoli iniziarono a commerciarlo.


4- Noleggiare una bicicletta 

Fate un giro panoramico di un’ora a Playa Ancón. Fermatevi ad esplorare il villaggio di pescatori di La Boca e nuota nelle fresche acque della spiaggia privata tra La Boca e Playa Ancón.
In una passeggiata per le vecchie strade acciottolate, tra auto d’epoca degli anni ’50 e facciate dai colori pastello.


6- Fare una gita di un giorno a Cayo Blanco

E’ una piccola isola di Cuba di 15 km di lunghezza e appena 500 mt di larghezza, completamente disabitata e circondata da una meravigliosa barriera corallina. Partono la mattina presto dalla marina di Trinidad, sulla penisola di Ancon le gite in catamarano per Cayo Blanco, per un pomeriggio di snorkeling e nuoto in mezzo al mare turchese dei Caraibi. Cayo Blanco ha dei fondali marini meravigliosi, ideali per attività subacquee o per lo snorkeling, in quanto è ricco di un’ampia diversità di pesci, crostacei e coralli.


7- La vita notturna di Trinidad

Ai piedi di Plaza Mayor c’è una scalinata  che conduce a “La Casa de la Musica“. È tutto arrangiato con i gradini di fronte alla scuola di salsa, con un bar e sedie che si affacciano ad un piccolo palcoscenico. Ogni sera c’è musica dal vivo, ogni sera ci sarà della salsa da ballare. Qui le persone si radunano intorno ai suoi tavolini, ascoltano buona musica e si cimentano in passi di salsa.
La vita notturna di Trinidad non vi deluderà, andate su per la collina verso Las Cuevas, c’è una discoteca sotterranea chiamata Ayala, per ballare in una spettacolare ambientazione.

8 – Godersi una vista scenografica sulla città

Trinidad è davvero spettacolare dall’alto, con quei tetti di tegole, l’ovvia opzione è salire sulla torre della Chiesa e Convento di San Francisco con il suo bel campanile giallo e verde, proprio nel centro della città. 1 CUC per salire sulle sue scale traballanti e ammirare la vista sulla città e l’accesso a un interessante museo al primo piano. Costruito nel 1813 dai Francescani, questo ex convento fu rilevato e trasformato in una chiesa parrocchiale a metà del 1800, in seguito divenne carcere prima che gran parte della struttura fosse demolita negli anni ’20.
Oggi questo pittoresco edificio ospita il Museo Nazionale della Lotta contro i Banditi; in mostra fotografie, documenti e attrezzature associate alle forze controrivoluzionarie o ai “banditi” del 1959 e ai problemi e alle battaglie che ne seguirono.


9- Andare a caccia d’arte, fotografie e poesia

Perdersi tra i vicoli colorati, chiacchierare con i locali, scattare foto alle tipiche facciate coloniali. Fatevi importunare dai cubani, è quello che sanno fare meglio. Intrattenervi con la loro malizia e sfacciataggine. Infilatevi in qualche galleria d’arte o d’artigianato, a Cuba l’arte divampa in tutte le forme. A tal proposito fate una visita al Museo Romantico, un tempo Palazzo Brunet, si trova nel cuore del centro storico della città su un lato di Plaza Mayor. Questa dimora, di proprietà di una delle famiglie più ricche dell’era coloniale, fu terminata nel 1808 e attualmente è una delle gioie architettoniche più visitate a Cuba. Oggi è galleria d’arte e alle sue pareti sono esposte opere di artisti cubani anche molto recenti.


10 – Tuffatevi nel cibo locale

Il cibo che vi verrà servito nelle case particular sarà nella maggior parte dei casi davvero delizioso, e abbondante, tuttavia, parte del divertimento di un viaggio a Cuba è mangiare fuori; assorbire i colori e l’energia della famosa atmosfera cubana.
Per una cena tipica in un ambiente splendido andate da Sol Y Son. Entrando, potreste sentirvi come se foste entrati in un negozio di antiquariato, sul retro c’è un cortile a lume di candela,  con giardino ricoperto di edera, musica e personale scrupoloso. Qualcosa di simile anche da Sol Ananda, un locale che trasuda romanticismo, con mobili vintage e grammofoni e un menu raffinato.

Leggete anche le 10 bellissime esperienze da fare all’Avana.

Chiara Cerri

Sono una fotografa e web writer e vivo a Londra. Se mi cerchi mi trovi in riva al mare o in libreria.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.