Travel Food

Ceviche Perùano: una vera esplosione di gusto!

Nel 2010 la mia vita ha subito un bel cambiamento: vincitrice di un progetto post lauream mi sono traferita a Lima, in Perù, per 3 mesi. E’ lì che la mia visione della cucina è cambiata per sempre e completamente.
Il Perù si è rivelato un mondo colorato e pieno di gusto, con eccellenze culinarie e piatti mai assaggiati prima. Hanno segnato definitamente il mio cuore e la mia mente.
Il piatto del Perù che ho amato maggiormente è, appunto, il Ceviche. E’ anche il piatto nazionale: ovvero, pesce marinato con succo di limone e rocoto, servito con choclo e camote.

Vi starete di certo chiedendo di cosa stiamo parlando: siate curiosi, leggete la ricetta e lo scoprirete!

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. di filetti di pesce persico;
  • il succo di 3 limoni;
  • ½ rocoto (peperoncino rosso rotondo tipico del Sudamerica);
  • 2 pannocchie di mais;
  • 2 camotes (patata peruviana);
  • 1 mazzetto di cilantro (cioè coriandolo fresco);
  • 1 cipolla rossa.

Procedimento:

Iniziate con il pesce: prendete i filetti e, tastandoli delicatamente con le dita, verificate che non vi siano lische o spine. Pareggiatene i bordi, creando dei filetti e tagliate dei quadrotti regolari non troppo piccoli.

Spremete i limoni, eliminando i semi e versatene il succo nella boule in cui avete messo il pesce tagliato a cubetti.

Tagliate la cipolla molto finemente, affettate il rocoto (un peperoncino rotondo abbastanza piccante, simile a un piccolo peperone) e tritate finemente metà del mazzetto di coriandolo fresco. Unite tutto al pesce nella boule e lasciate marinare per almeno 30 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Il succo della marinatura dovrebbe coprire il pesce, almeno nella fase iniziale (poi il pesce assorbirà parte del succo di limone).

Nel frattempo, pelate il Camote: si tratta di una patata tipica del Perù di colore fucsia all’esterno e bianca all’interno. Ha un sapore dolce, simile alle patate americane.

Pelatela e tagliatela a cubetti: lessatela per circa 15 minuti.

Non appena sarà pronta (provate a infilzare un cubetto con una forchetta), scolatela e lasciatela freddare. Quando sarà a temperatura ambiente, conditela con un filo d’olio, un pizzico di sale, di pepe nero e mescolate delicatamente.

Per questo piatto serve anche un altro elemento, fondamentale ma non facilmente rintracciabile, ovvero il choclo.
Si tratta di una tipologia di mais sudamericano di color bianco e con chicchi più grossi rispetto al mais che si trova in Italia ed è molto saporito.
Purtroppo, è stato l’unica cosa che non sono riuscita a trovare al Mercato dell’Esquilino a Roma, quindi ho optato per la pannocchia “tradizionale”, bollita e tagliata a rondelle spesse, con un pizzico di sale e di pepe nero.

Non appena il pesce avrà raggiunto la giusta colorazione data dalla marinatura (che dipende molto da come lo preferite, per me 30 minuti è il tempo esatto, la marinatura è media) potrete impiattare.
Posizionate il ceviche, scolato dal succo della marinatura, e condito con una spolverata di coriandolo fresco tritato, a fianco il camote (le patate) e il mais: sedetevi e preparatevi ad assaggiare uno dei piatti più gustosi che abbiate mai provato!

I sapori che ne verranno fuori sono irresistibili e riconoscibili in tutto il mondo.
Ve ne innamorerete al primo boccone e non potrete più fare a meno di mangiare il pesce in questa versione!

Un consiglio: il pesce più adatto a questa preparazione è il filetto di pesce persico. O comunque un pesce bianco dal sapore delicato, deliscato e tagliato a filetti (così potrete regolare voi stessi la grandezza della tartare).
I prodotti peruviani che abbiamo usato in questa ricetta non sono di facile reperimento, lo sappiamo. Almeno nelle grandi città, al mercato centrale è facile trovare frutta e verdura proveniente da altri Paesi.
Fatevi un giro, è estremamente interessante scoprire cibi mai visti prima e ascoltare i consigli di chi li vende!

Se siete comunque costrette a sostituire gli ingredienti perché non trovate quelli indicati nella nostra ricetta (che poi è quella originale, sia chiaro ) potrete comprare:

  • Patate dolci americane al posto del camote
  • Peperoncino rosso fresco al posto del rocoto.
  • Sostituire il coriandolo fresco con quello essiccato, incide non poco sul gusto finale, in mancanza d’altro, provate ugualmente!

Il piatto è assolutamente Gluten Free!

Una chicca: a Roma, troverete tantissima varietà di prodotti peruviani al mercato dell’Esquilino, una mervaiglia per i sensi!

Buon giro del mondo insieme a Mamma e figlia in cucina!

 

 

Testo e foto di Giada Barbera


“Siciliana, cresciuta e pasciuta in una famiglia che, da generazioni, adora in egual misura cucinare e mangiare. Vivo la mia vita con la convinzione assoluta che sia il cibo il vero oppio dei popoli (scusa, Marx).
Idolatrice di tutto ciò che contenga cioccolato, appassionata della cucina peruviana, dichiarata amante della Francia e dei suoi champagne, amo tutto ciò che è buono e che porta con sé la passione di chi l’ha cucinato.
La cucina, i libri e i viaggi sono gli amori della mia vita”
Blog: www.mammaefigliaincucina.com

About Author

lovetheshoot

Leave a Reply