Travel Tips

Come viaggiare bene da solo

Un viaggio da soli è una di quelle esperienze che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita.
E’ vero, il viaggio è condivisione, ma è anche scoperta di sé e senza la continua presenza di amici, familiari o fidanzati/e l’esperienza può diventare molto più stimolante.
Film come “Mangia, prega, ama”, (pur essendo un agglomerato di clichè), ma anche il più estremo “Tracks” testimoniano come questa esigenza di viaggiare in solitaria sia molto più diffusa di quanto pensiamo.
Viaggiare da soli è emozionante, ma ci rende anche vulnerabili.
 

Ecco alcuni consigli:

 

 

1- Avere una fotocopia di tutti i documenti, così che quando sarete fuori a cavalcare elefanti basterà portarvi dietro una fotocopia del passaporto senza dover badare a non perdervelo.
Anche le carte di credito sarebbe meglio averne due, oppure due carte prepagate (ad esempio le postepay), una da tenere nel portafogli e una da tenere per sicurezza in valigia. In modo che se qualcuno vi ruba la borsa o se la perdete avete un’altra carta che vi salva la vita.
Trovarvi senza la possibilità di prelevare contanti all’estero è un gran bel problema.
 
115073135

2-Scegliere con cura la destinazione. Ovvio che dipende da quanto siete avventurosi e da quanta  voglia avete di mettervi in gioco. Probabilmente una settimana da soli a Madrid sarà differente da un viaggio zaino in spalla in Argentina.
Le domande sono molte.
Parlo la lingua del posto, riuscirò a comunicare con i locali?
C’è un valido sistema di trasporto pubblico o resterò a piedi e mi toccherà dormire sul ciglio della strada?
Come sono visti i viaggiatori in solitaria dai locali e che rapporto instaurano con loro?
Una volta stilata una lista dei pro e dei contro delle varie destinazioni, sceglietene una!

3- Ok la solitudine, ma prima che vi mettiate anche voi a parlare con un pallone sgonfio come Tom Hanks nel film Cast Away, fate amicizia, uscite e aggregatevi.
E’ vero che state viaggiando da soli per scoprire voi stessi, altrimenti avreste fatto un viaggio col vostro miglior amico, ma è qualcosa di completamente differente.
Il vostro miglior amico è una stampella che vi segue e non vi abbandona, vi conoscete e con lui rimanete nella comfort zone.
Fare amicizia quando si è da soli invece implica una certa flessibilità, vi ritroverete ad uscire dai vostri soliti ranghi, a fare cose che non avreste mai fatto prima. 

Parte del divertimento di viaggiare da solo è spontaneamente collegato con le persone che si incontrano lungo il cammino.
 

op
 

4- Seguite il vostro istinto. Essere troppo diffidenti è un male, ma anche abbassare completamente la guardia può risultare rischioso, soprattutto se siamo da soli e in un continente straniero.
Il nostro istinto è la prima risorsa che abbiamo per metterci al riparo da situazioni spiacevoli.
 

5- Connettetevi con altri viaggiatori. Esistono siti come ad esempio:
http://www.thetripmill.com o https://www.couchsurfing.com , in cui è possibile conoscere altri viaggiatori e mettersi d’accordo per incontrarsi, addirittura in alcune città nel mondo fanno anche dei couchsurfing meeting settimanali.

About Author

lovetheshoot

Leave a Reply