Cosa c’è sui muri dei sognatori

BuzzooleSono creature colorate, altre volte persone reali, animali bizzarri o solo disegni astratti. Disegni che si rannicchiano lungo spazi pubblici divenuti tele di cemento.
Prima ingiallite dal tempo, poi rinate.
Sono i posti in cui la gente può abbandonarsi ai sogni, immaginandosi in altri luoghi.
Questi luoghi tra il suolo ed il cielo sono i luoghi della street- art, l’arte dei sognatori.
Qualcosa mi dice che presto ci muoveremo verso la direzione che ha preso il nord Europa, verso un mondo di muri dipinti e zone urbane create su misura per i sognatori.

Intanto la Ceres, supportando Inward, l’osservatorio italiano per la creatività urbana, ha incaricato dei famosi writers italiani per realizzare due opere.
Una nel cuore del quartiere San Salvario di Torino e l’altra nella periferia napoletana di Ponticelli.
Il lavoro del writer Corn79 intitolato “Blu Cerebrale” anima un muro torinese con le circonferenze in stile col suo lavoro tra astrazione e geometria spirituale.
Mentre nella periferia di Napoli gli artisti siciliani Rosk e Loste hanno dedicato la loro opera “Chi è vulut bene, nun s’o scorda” al calcio e alla strada, in cui due scugnizzi sono intenti a contendersi un pallone.

Qui i video:

 

 

 

Chiara Cerri

Sono una fotografa e web writer e vivo a Londra. Se mi cerchi mi trovi in riva al mare o in libreria.

2 Comments
  1. La mia San Salvario! Ho abitato in quel quartiere per 3 anni quando frequentavo l’università. Lo amavo e lo amo tutt’ora. Non sono d’accordo con chi dice che sia un quartiere pericoloso, in realtà è un luogo dove i colori si incontrano e uniscono. E questa iniziativa ne è la prova. Grazie per avermela fatta scoprire!!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.