Italia

Day Trip a Pompei + un’esperienza speciale ai piedi del Vesuvio

Il 24 agosto del 79 d.C. cambiò la vita dei pompeiani per sempre.
In quel fatidico giorno il Vesuvio vomitò lava a vista d’occhio e nonostante nei quindici anni precedenti ci fossero stati dei segni che annunciavano una imminente eruzione, gran parte della città fu distrutta.
Pompei fu sepolta sotto metri di cenere e pomice.

Secoli di storia furono sigillati fino al 1748, quando Rocque Joaquín de Alcubierre e i suoi operai scavando le fondamenta del palazzo estivo del re di Napoli si imbatterono in alcuni manufatti romani. Decisero così di dare il via a nuovi scavi e scoprirono Pompei.
A causa della mancanza di aria e all’umidità, i manufatti sepolti sotto la cenere e la pomice erano estremamente ben conservati. Non c’è da meravigliarsi quindi che Pompei sia una delle attrazioni turistiche più popolari in Italia e riconosciuta come patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Perchè visitare Pompei

La prima volta ero stata a Pompei con la scuola, a tredici anni e l’avevo studiata, più per dovere che per reale interesse. Andarci da grande però è una storia diversa. Senti l’entusiasmo per qualcosa legato alla nostra storia crescere dentro, sei desideroso di riscoprire il passato e hai anche un po’ voglia di immergerti di nuovo tra i libri di storia.
Pompei è un posto congelato nel tempo: gli edifici, gli affreschi, le strade, i vasi, i calchi dei corpi.
Tutto è vivo e ben conservato. Anche se si percepisce un po’ di mancanza di manutenzione è uno dei posti più affascinanti per trascorrere una giornata nelle vicinanze di Napoli.

Come visitare e arrivare a Pompei da Napoli

Pompei dista da Napoli meno di mezz’ora, ci sono tanti modi per arrivare, c’è la circumvesuviana con fermata pompei scavi, oppure vari servizi autobus e taxi privati.
Allo stesso modo una volta entrati potete visitarla da soli, con delle audioguide (cosa che vi sconsiglio perchè è enorme) o scegliere una guida privata che vi porterà nei punti più salienti.
Io ho scelto questa opzione con Italy Travels che mi ha fornito il trasporto da Napoli a Pompei e un tour a piedi di 2 ore con ingresso prioritario.
Siamo partiti dalla stazione di Napoli Garibaldi con un minubus privato che ci ha portati all’ingresso degli scavi in venti minuti.
A quel punto potete scegliere la lingua della guida che preferite e iniziare il tour. In aprile noi eravamo solo in quattro, ma immagino che in alta stagione i gruppi siano molto più grandi.
La guida vi accompagnerà per due ore in giro per i luoghi più iconici del sito e finito il tour lo stesso minibus vi riporterà a casa.
Consiglio Italy Travels perchè in questa maniera potete fare tutto online: scegliere l’opzione che preferite, pagare e ricevere il vostro biglietto via mail.
Evitando file estenuanti sotto il sole, oltre al fatto che l’agenzia si avvale di guide locali.




Cosa fare dopo?
Degustazione alla Cantina del Vesuvio

Per rimanere in zona Vesuvio, se uscite affamati dagli scavi, potete fare una visita alla Cantina del Vesuvio.
Ho trovato questa esperienza su Airbnb e  l’ho abbinata alla mia giornata a Pompei.
La Cantina del Vesuvio si trova nella località Tre case, leggermente sopra Torre Annunziata. Questa azienda vinicola a conduzione familiare è immersa all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio e produce solo vini biologici.
Durante la degustazione assaggerete bruschette con  provolone, salame e capocollo, olio e aceto 100% organici e prodotti a km 0. Una pasta con dei deliziosi pomodorini vesuviani (o del Piennolo), pastiera napoletana e liquore all’abicocca.
Il tutto accompagnato dai loro vini: spumante rosè e quattro degustazioni di Lacryma Christi (bianco 2016, rosè 2016, rosso 2015 e rosso riserva 2012).





Ciao, sono una fotografa e web writer e vivo a Londra. Se mi cerchi mi trovi in riva al mare o in libreria.

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.