Travel Tips

Guida pratica per organizzare un viaggio fai-da-te

Nell’ organizzazione di un viaggio servono due cose: tempo e voglia di fare.
Quello che fa decidere di servirsi di una agenzia piuttosto che di un viaggio organizzato è la pigrizia o la reale mancanza di tempo.
Ma se  siete fra quelli che possono e vogliono permettersi tempo & fatica allora organizzarsi un viaggio è una delle cose più divertenti che possiate fare.
Mi stupisco, a volte, di quanti ragazzi soprattutto giovani, non conoscano le potenzialità di internet per prenotare una vacanza.
Organizzare un viaggio da soli vi permetterà di risparmiare soldi e aumentare la vostra consapevolezza.
E’ ovvio che 3 giorni a Madrid richiederanno meno tempo di un tour dell’Asia di un mese, ma il procedimento è più o meno lo stesso.

1 – Decidere la meta
Può sembrare banale, ma non lo è.
Decidete dove volete andare, e informatevi su come siano le condizioni climatiche in quel determinato periodo: che non sia l’ India durante i monsoni in agosto o che non sia Mosca a -10 a gennaio.
Informatevi se dovete richiedere visti, quanto tempo ci vuole per ottenerli e com’è la situazione sanitaria, se per quella particolare zona dovete fare dei vaccini per eempio.
Insomma, cose molto pratiche.
Informazioni di questo tipo potete trovarle su questo sito: viaggiare sicuri.

2 – Mezzo di trasporto
Dopo che avete scelto la vostra meta andate a caccia di mezzi.
Per quanto riguarda i voli aerei vi consiglio un sito: Skyscanner. Se non lo conoscete dovete subito rimediare, per me è uno dei migliori, perché vi da totale libertà di scelta e avete la possibilità di risparmiare moltissimo.
se avete un meta, ma non una data precisa e avete flessibilità di tempo il sito vi permette di verificare i prezzi di un intero mese.

Schermata 2015-04-21 a 10.15.44

– se invece avete una data, ma non una meta c’è la possibilità di inserire nelle opzioni di ricerca da: “Italia” a “Ovunque” e così Skyscanner vi mostra tutti i voli più economici che partono dall’ Italia direzione mondo intero in quel determinato periodo.
Si parte dai 15 euro in su!

Schermata 2015-04-21 a 10.22.00

Se poi siete molto flessibili nella prenotazione potete provare ad usare Pirati in Volo, questo magico sito scova gli errori di prezzo delle compagnie aeree, ma dovrete monitorarlo spesso e soprattutto essere veloci a prenotare.

L’ opzione di viaggio che secondo me è da valutare soprattutto per brevi tragitti, in Italia, ma anche in Europa, è la macchina.
Un sito come BlaBlaCar vi permette di offrire e cercare passaggi in macchina, i prezzi sono convenienti dato che alla base c’è il concetto di dividere le spese di viaggio.

3 – Alloggi
Per gli alloggi, dipende da quanto volete (o non volete spendere) e come sempre da quanto siete flessibili.
Potete usare Booking che vi permette di scegliere in base alla zona, al prezzo, alla tipologia di stanza, leggere le recensioni e cosa utile, spesso le prenotazioni hanno la cancellazione gratuita fino a 24 ore prima.
Oppure potete cercare su Air b&b appartamenti, ostelli e camere in affitto per brevi periodi. Il sito vi da la possibilità anche di inserire un vostro budget  di spesa massimo.
In alternativa, per le prenotazioni davvero last-second, c’è blinkbooking, ma dovete scaricare l’app sul vostro cellulare e cercare gli alloggi per il giorno stesso, a partire dalle 11.00.
L’app propone begli hotel a prezzi stracciati solo in Europa.

Un’ altra opzione per gli alloggi è il Couchsurfing, di cui ho già parlato in questo post, e questa invece è completamente gratuita.
Spesso sento dire che il CS sia per i più giovanissimi “Io non c’ho più l’età” si dice, ma per me non è così, la frase giusta da dire è “Io non ho la mentalità”.
Conosco 40enni che hanno viaggiato in tutto il mondo proprio con il Couchsurfing.

4 – Forum, guide & co
Dopo aver terminato le cose tecniche inizia la parte più bella, quella dell’organizzazione (o anche della dis-organizzazione).
Se siete viaggiatori che amano partire senza avere troppi piani questa fase sarà breve, se invece amate programmare il viaggio in ogni minimo dettaglio e spostamento avrete un po’ di lavoro.
Potete comprarvi guide di viaggio, la Lonely Planet è demonizzata spesso, ma io a volte la utilizzo e credo che se la si usa con le dovute precauzioni (quindi senza prendere tutto alla lettera) possa offrire molte buone informazioni.
Oppure potete sfruttare Internet: curiosando sui forum di TripAdvisor o Turisti per Caso  tra le domande degli altri viaggiatori, o andando alla ricerca di diari e blog di viaggio, lasciandovi ispirare da chi in quel posto c’è già stato.
In fine potete cercare App di viaggio da scaricare sul vostro smartphone.
Basta andare sul motore ricerca delle app e scrivere “mappa offline + nome città” oppure “App di viaggio” e vedere cosa viene fuori.
Quando ero a Rio de Janeiro ho utilizzato moltissimo la city map di Ulmon. E’ una mappa offline con la quale potete cercare indirizzi, calcolare i tragitti, trovare bar e ristoranti nelle vicinanze.

Quello che vi consiglio e che ripeto  a me stessa ogni volta che parto è di utilizzare tutti questi strumenti senza esserne schiavi e soprattutto lasciare anche tempo alla casualità della scoperta.

Se invece proprio non volete occuparvi dei punti 2 e 3 potete cercare pacchetti di viaggio con TravelBird o Last Minute.

🙂

perfect

About Author

lovetheshoot

Leave a Reply