BrasileSud America

Le zone verdi di Rio de Janeiro

Questo post è per gli amanti della natura e delle passeggiate. Vi porto all’esplorazione di due zone verdi di Rio de Janeiro.

Il primo è il Giardino Botanico che si trova nella Zona Sul di Rio e con le sue 6.500 specie di piante e alberi tropicali e subtropicali (alcune a rischio di estinzione), di cui 900 varietà di palme, distribuite su una superficie di 54 ettari accoglie la diversità della flora brasiliana e straniera.
Al suo interno potrete trovare anche monumenti di interesse storico, artistico e archeologico.
C’è anche un importante centro di ricerca, che include la libreria più completa nel paese specializzata in botanica con oltre 32.000 volumi.

Il parco di 140 ettari che si trova ai piedi della montagna Corcovado, è stato fondato nel 1808 da Re Giovanni VI del Portogallo, originariamente previsto per l’acclimatazione di spezie come noce moscata, pepe e cannella importate dalle Indie Occidentali, questo giardino è stato poi aperto al pubblico nel 1822, ed tutt’ ora aperto tutti i giorni tranne il 25 dicembre e il 1 gennaio .
La Avenue of Royal Palms è costituita da 750 m di 134 palme e porta i visitatori dall’ingresso del giardino fino al suo interno.
Solo circa il 40 % del parco è coltivato, il resto appartiene alla Foresta Atlantica che sale le pendici del Corcovado. E’ protetto dal Patrimonio Storico e Artistico Nazionale ed è stato designato come riserva della biosfera dall’UNESCO nel 1992.
Nel parco è possibile avvistare fino a 140 specie di uccelli,  molti dei quali si sono abituati agli esseri umani e sono quindi molto più facili da osservare che in natura. Tra questi il tucano, la penelope obscura e rallo pettoardesia( un uccello orientale che troverete proprio all’interno dell’affascinante giardino giapponese).
Inoltre, sono state avvistate delle scimmie urlatrici e i caratteristici uistitì di Geoffroy dalle orecchie pelose.

jardimbotanico_1 jardimbotanico_3 jardimbotanico_4 jardimbotanico_5

Proseguendo su Rua Jardim Botanico, qualche centinaio di metri più avanti troverete un’altra zona verde: il Parque Lage, un vero e proprio gioiello.

La sua storia risale all’ epoca del Brasile coloniale quando era un vecchio zuccherificio appartenente a Fagundes Varela. Venne acquistato prima da Rodrigo de Freitas Castro Mello, poi nel 1859, con un processo di compravendita passò nelle mani di Antonio Martins Lage.
A questo punto,  dato il nome di “Parco Lage”, la fattoria nel 1900 fa ufficialmente parte delle proprietà della famiglia Lage e nel 1920 viene acquistata dal nipote l’imprenditore , Henrique Lage.
Amante delle arti, Henrique Lage si innamora e sposa la cantante lirica italiana, Gabriela Besanzoni e per compiacere la moglie da l’ordine di costruire la replica perfetta di un ” palazzo romano” e di riformulando parte della progettazione del paesaggio e da in mano i lavori all’architetto italiano  Mario Vodret.

Due grandi porte si aprono su Rua Jardim Botânico e due sentieri imperiali circondati da palme portano al palazzo, al centro un cortile con piscina e un portico piuttosto prominente, le piastrelle di marmo che rivestono la villa sono importate dall’ Italia  e i dipinti decorativi delle sue sale sono state firmate da Salvador Paylos Sabaté.
I giardini che circondano la casa, parte del Parco Nazionale di Tijuca, sono disposti geometricamente e comprendono circa 52 ettari di lussureggiante foresta alle pendici del monte Corcovado.
Oggi il Parque Lage affascina i visitatori che passando non possono fare a meno di entrare e passeggiare in un’ atmosfera bucolica, dove è possibile visitare una grotta e un acquario con pesci tropicali.
Per concludere, il parco oggi è la sede della scuola di Arti Visive (Escola de Arte Visuais do Parque Lage).

parquelage_6 parquelage_9 parquelage_10

– Jardim Botânico: Rua Jardim Botânico, 1008 – Jardim Botânico, Rio de Janeiro – RJ, 22460-030

tutti i giorni dalle 08:00–17:00

R$ 6,00

– Parque Lage: Rua Jardim Botânico, 414 – Jardim Botânico, Rio de Janeiro – RJ, 22461-000, Brasil

 08:00–17:00

entrata libera

 

About Author

lovetheshoot

Leave a Reply