EuropaRepubblica Ceca

Praga: consigli per visitarla

Free walking tour:
Se vi trovate a Praga solo per un paio di giorni e non avete tempo di scoprirla da soli vi consiglio di fare uno dei tanti free walking tour della città.
Ce ne sono tanti e in genere partono tutti dalla zona Mustek, durano circa 2/3 ore e a guidarle sono dei giovani e preparatissimi volontari.
Li riconoscete perché indossano delle t-shirt colorate (gialle/verdi o blu) con scritto free walking tour e sono circondati da turisti. Partono intorno alle 10/11 di mattina e alle 15 del pomeriggio.
E’ un modo carino anche per conoscere gente.
Di solito alla reception degli ostelli o negli hotel hanno i  volantini che pubblicizzano questi tour o altrimenti chiedete!
Alcuni link informativi:

 

Trasporti:
Praga è a misura d’uomo, è possibile visitarla in un paio di giorni ed è facile girarla a piedi,  per i più pigri esiste la metropolitana che divisa in sole tre linee (A = verde, B =gialla, C=rossa) e una rete tranviaria che attraversa tutto il centro storico e funziona sia di giorno che di notte (fino alle 4.30 del mattino circa).
Dall’aeroporto è comodissimo il bus n. 119 (lo trovate attraversando la strada appena usciti dall’aeroporto) che in poco più di 30 min vi porta fino al capolinea Dejvicka, (linea verde della Metro) da lì potete prendere la metro per qualsiasi parte del centro o il tram.

 

Cibo:
Praga è fortemente influenzata dai paesi nordici che le stanno attorno e quindi la sua cucina predilige carne di maiale, stinco, crauti e zuppe varie. Gli gnocchi di pane sono una specialità, come anche il prosciutto.
Se come me siete amanti dello street-food troverete pane per vostri denti. Oltre ai soliti kebabbari/hamburgari la città è ricca di chioschetti che vendono specialità varie, in piazza Venceslao troverete un po’ di tutto.
Tra le specialità salate ci sono il bamborak spiral ovvero chips di papate fritte con la buccia e servite al cartoccio, gnocchi di pane e patate con bacon e crauti, il goulash, il prosciutto cotto allo spiedo con crosta affumicata, per quanto riguarda i dolci, oltre alle classiche crepe, vincono su tutti i trdelnik, ovvero delle brioche vuote con mandorle e caramello. Il tutto cotto all’istante sul carbone.
Se poi volete sedervi da qualche parte Praga è una città abbastanza economica, non avrete problemi a trovare del cibo buono a poco prezzo.
In questo ristorante in una piccola traversa di Mala Strana, aperto sia a pranzo che a cena, ve la cavate con 10/12 euro (io con 11 euro ho mangiato un antipasto di formaggi, un meraviglioso stinco e del vino!)

 

Bevande:
Birra= Praga, Praga= Birra.
Si dice che la birra a Praga costi meno dell’acqua e infatti così è.
Vino caldo con miele, vino speziato e aromatizzato.
Praga è abbastanza famosa anche per l’assenzio che si trova un po’ ovunque, se volete provare qualcosa di diverso c’è questo locale (sempre pieno e affollato) in zona Stare Mesto in cui potete ordinare cocktail all’assenzio (oltre che assenzio normale), l’intrattenimento post bevuta è assicurato 🙂

 

Soldi:
La Repubblica Ceca non fa parte della zona monetaria dell’euro e quindi la moneta ceca è la corona.
Praga come detto sopra è una città abbastanza economica, ed è piena di uffici di cambio che propongono prezzi vantaggiosi ma che nella maggior parte dei casi sono delle truffe.
Evitate di cambiare soldi, ma piuttosto prelevateli direttamente al bancomat negli sportelli ATM. Non prelevate troppo, solo il giusto per i biglietti dei mezzi pubblici, il cibo per strada, entrare nei locali. Per il resto: ristoranti, ostelli, hotel, negozi pagate il più che potete con la carta.
Poi se proprio dovete cambiare dei soldi evitate le zone turistiche come piazza Venceslao o in aeroporto.

 

 

 

 

About Author

lovetheshoot

Leave a Reply