Photography school

Una mostra e una città: Palermo +Letizia Battaglia

Per coloro che si trovano a Palermo dal 6 marzo all’8 maggio 2016, ZAC ai Cantieri Culturali alla Zisa, verrà ospitata la retrospettiva dal nome“Anthologia”, a cura di Paolo Falcone e con oltre 140 lavori inediti della fotografa palermitana Letizia Battaglia.

Dall’alto della mia ignoranza ancora non la conoscevo, me ne resi conto anni fa quando vidi un documentario in tv che parlava di lei,  Letizia Battaglia, fotografa palermitana, classe 1935 e mi aveva colpita questa sua frase riguardo alle sue immagini: “Non mi piacciono. Le subisco. Come se non le avessi fatte io. Una specie di prigione che dovrò trascinarmi per sempre”.
E’ quel Come se non le avessi fatte io su cui l’orecchio mi collassò per un attimo, perché in fondo, ne sono convinta anche io, in un certo modo le fotografie si creano da sole. Questo le salva dal peso di essere opera d’arte, si portano appresso il peso dei loro genitori, la storia, il pezzo di mondo che vivono, le esperienze di coloro che le scattano, ma non sono opere d’arte create dal niente, in gran parte esistono già. Sono pronte.

Letizia Battaglia dice di essersi avvicinata alla fotografia in tarda età e per “fame”, non per passione, lo dice con quella schiettezza che la rende parte di noi, magnificamente umana e reale. Innamorata da sempre del bianco e nero, scansa i colori ed è nota soprattutto per le sue fotografie delle stragi di mafia, ma il fotoreportage di cronaca nera è solo una parte del suo ampio percorso fotografico. Nel corso della sua carriera si è cimentata con la ritrattistica, i volti dei personaggi della società palermitana scattati per strada, ha affrontato il nudo e persino la sempre ambita fotografia naturalistica. Con una poesia visiva tutta sua, senza mai essere banale e ripetitiva.

459eebd620c8a74d21de4cae2a5c425f_L

Letizia-Battaglia-Menfi-2004_image_ini_620x465_downonly(Foto @Letizia Battaglia)

Di Palermo l’avevo già detto c’è da innamorarsene a prima vista, soprattutto se siete sensibili a quel fascino degradato e carnale che regala il sud Italia. Nei quartieri, nei vicoli, nei rioni della città si percepisce quel legame forte e intimo che Letizia ha con i soggetti delle sue immagini: sguardi intrisi di orgoglio, di muta dignità e bellezza non svelata, camminando per le vie di Palermo ci si ritrova immersi nelle sue fotografie, senza neanche rendercene conto.

Qui ci sono dieci cosa da fare a Palermo se andate per la prima volta e una strada, che non troverete su nessuna guida, ma assolutamente da non perdere.

About Author

lovetheshoot

Leave a Reply