10 pratici consigli se vuoi aprire un blog

10 pratici consigli se vuoi aprire un blog. È passato un po’ di tempo da quando ho aperto il blog e in questi anni, ho imparato molte cose. Alcune, come la scrittura SEO e il personal branding ho dovuto studiarle con pazienza, altre le ho scoperte per caso, tipo quella volta che “per favore inviami il tuo mediakit“, ed io non avevo assolutamente idea di cosa fosse.
Ho scritto questo post con 10 pratici consigli per aprire un blog perchè oggi bisogna partire preparati, non siamo più nel 2012 dove bastava la voglia di scrivere e un account registrato su wordpress, oggi di blog ce ne sono tantissimi e il marketing sta ormai conquistando il mondo, serve partire con un progetto già ben delineato. Questi consigli sono anche quelli che avrei voluto avere io prima di partire.

Se siete d’accordo con me, cioè che oltre al business bisogna curare anche l’anima che sta dietro alle cose, allora restate qui perchè se volete aprire un blog questi consigli potrebbero esservi utili.

10 pratici consigli per aprire un blog.

1 – Non farlo per soldi

Non farlo partendo già con l’idea di guadagnare, non c’è niente di male a desiderarlo si chiaro, ma per favore, almeno all’inizio non farlo solo per questo, perchè chi ti leggerà lo capirà e starai sprecando tempo. Da qualche parte ho letto: don’t think about pension, think about passion. E’ esattamente questo che dovresti fare, partire da una passione e sviluppala, con un blog si può guadagnare, ci sono molte modalità per farlo, vedrai che con tanto impegno e passione avrai delle ricompense che saranno piccole all’inizio, ma piano piano che andrai avanti si consolideranno sempre di più.

2 – Scrivi per te

Per un po’ di tempo ho commesso l’errore di scrivere per un pubblico (si ma quale? neanche io lo sapevo) e non per me stessa, scrivendo post dopo post in modo impersonale, spinta dalla furia di produrre contenuti che alla fine sono uguali a tutti gli altri. E allora, se vediamo che stiamo cadendo in questa spirale è meglio smettere per un po’ e poi ricominciare.
Quindi il mio consiglio è che è giusto avere un obiettivo, conoscere il tuo pubblico, ma soprattutto all’inizio, cerca di non snaturarti e scrivi per te stesso, di cose che ti piacciono e ti rispecchiano. Avere un blog è anche un bellissimo viaggio personale, un’avventura, mi piace chiamarla così, e che avventura sarebbe senza un po’ di divertimento?

3 – Trova la tua voce

Ti diranno trova la tua nicchia, il tuo avatar, ma specializzarsi per forza di cose in un settore non è così importante, l’importante è avere personalità e uno stile, che non necessariamente deve rimanere fedele a se stesso a tutti i costi. Siamo persone ricordiamocelo, ci evolviamo, cambiamo, sperimentiamo. E’ normale!
Se hai una nicchia ben venga, puoi aprire un blog settoriale che parla solo di penne per mancini (lol), se invece non hai una nicchia, ma hai una bella voce e ti piace scrivere, allora vai, c’è posto anche per te. Anzi, scrivimi il nome del tuo blog, verrò a leggerti volentieri.

4 – Investi

Questo per me è un vero evergreen, è quel tipo di consiglio che avrei voluto avere quando ho iniziato, per farmi trovare più preparata: metti in conto che dovrai investire in termini di tempo e anche denaro, perchè la cosa migliore da fare quando si comincia con un blog è considerarlo un vero e proprio progetto/business e trattarlo come tale.
Investire vuol dire anche fare formazione, studiare cose nuove, c’è sempre qualcosa da imparare quando hai a che fare con un blog. Dalla legge sulla privacy, alla gestione backend di WordPress, è un mondo che si muove in fretta, ogni mese esce fuori qualcosa di nuovo da imparare e il bello di farlo è anche avere questo stimolo continuo.

5 – Consistenza

Un blog per andare avanti nel tempo deve sopravvivere alle intemperie che attraversano le nostre vite, ai disastri familiari, traslochi, pigrizia, figli. Ok la faccio meno drammatica: un blog per andare avanti ha bisogno di consistenza. Vuol dire che deve pubblicare regolarmente dei contenuti, quanto regolarmente starà poi a te deciderlo.
Ci sono blog che pubblicano articoli ogni giorno, alcuni un paio di volte a settimana altri ancora ogni quindici giorni, starà a te decidere la cadenza, a seconda dell’argomento, dell’impegno e del tuo pubblico, è un mix tuo. Almeno nel periodo inziale però tieni conto che dovrai riempire il tuo blog di contenuti e quindi ne dovrai produrre tanti.

6 – Piano editoriale

Se hai un blog personale in cui scrivi i tuoi pensieri non c’è necessità, ma se il tuo blog è un progetto ben delineato, oppure se gestisci il blog di un’azienda, serve un avere piano editoriale.
Il piano editoriale crea l’ossatura del tuo blog, collegandomi a quello che ho scritto sopra, ti aiuta ad essere consistente, pubblicando con continuità e avendo ben chiaro come e quando pubblicare. Puoi creare il tuo piano come vuoi, su Google calendar, su Excel, alla vecchia maniera con carta e penna. E’ essenziale trovare prima gli argomenti di cui vuoi scrivere, magari tracciare già i titoli (anche provvisori) dei tuoi articoli, il giorno e l’orario in cui verranno pubblicati, questo ti aiuterà anche a crearti tante piccole deadlines per essere produttivo e non rimandare la scrittura dei post.

7 – Be social

Frequentando un po’ il mondo del web mi sono fatta l’idea che molti blogger siano persone introverse, ed è capibile: la blogsfera è un luogo in cui si può entrare in silenzio, senza uscire di casa, ma con il grosso vantaggio di poter avere uno spazio proprio in cui esprimersi, parlare e comunicare in pubblico, ma senza essere personalmente in pubblico. E’ una cosa meravigliosa, ho imparato però che un blog per sopravvivere ha bisogno di creare alleanze, fare networking e in questo settore non c’è spazio migliore (oltre alle fiere e gli eventi) dei social media per allargare le proprie conoscenze.

8 – Trova un nome figo

La storia del nome di questo blog parte da una sanzetta in cui alloggiavo a Rio de Janeiro, inizialmente avevo optato per lovethesearch, ma era già stato preso, ho quindi deciso di usare shoot per riferirmi alla fotografia.
Il nome secondo me è importante, a me piacciono i blog che hanno dei nomi lunghi e strani ad esempio, ma questo è un mio gusto personale. In generale, un nome creativo che rimanga impresso è sempre un buona idea.

9 – Sperimenta

Consideralo come un cambio armadio o le pulizie di Pasqua. Io rinnovo il tema del mio template ogni anno, credo che sia importante per un blog andare di pari passo con i tempi, avere uno stile fresco e pulito. Per quanto riguarda aspetto, stile, grafica, sono tutte cose che con il tempo si possono rinnovare. E’ giusto sperimentare.
Ricordo la mia indecisione iniziale sui colori, i caratteri da usare, il tono di scrittura e tutto il resto che riguarda la visual identity, molte cose sono variabili da aggiustare con il tempo.
Una cosa bellissima di avere un blog è poter sperimentare, creare qualcosa su misura proprio come potremmo fare con un vestito da indossare.

10 – Least but not last…

Signore e signori, i giudizi.
Questo forse avrei dovuto metterlo all’inizio, perchè rappresenta il primo grande scoglio da superare per chi decide di aprire un blog, ma che dico? Superare la paura del giudizio è il primo scoglio da superare per chi si lancia in qualsiasi cosa, in qualsiasi campo della vita. L’ho messo intenzionalmente per ultimo, perchè è questa la posizione che si merita il giudizio altrui.
La paura del giudizio è normale, l’idea di aprire un blog ci eccita ma allo stesso tempo sentiamo il timore di essere giudicati dai nostri colleghi di lavoro, amici, parenti, fidanzati, dalle nostre cerchie insomma. E’ giusto ascoltare i consigli saggi, ma i giudizi sono un’altra cosa e con questi c’è una sola cosa da fare: switch off.
Cit. di non ricordo chi: le uniche persone che non vengono mai giudicate sono quelle che non fanno niente.

Cosa pensi di questi consigli, sono stati utili? 

photos by Sincerely Media on Unsplash

Chiara Cerri

Sono una fotografa e web writer e vivo a Londra. Se mi cerchi mi trovi in riva al mare o in libreria.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.