10 cose da fare in un viaggio a Palermo

10 cose da fare in un viaggio a Palermo.
Palermo è una città che unisce una splendida architettura a paesaggi mozzafiato e incantevoli viste sul mare. Il cibo, noto per la sua freschezza e le antiche radici, è famoso in tutto il mondo. Ho selezionato le seguenti 10 attrazioni di Palermo che renderanno il vostro viaggio indimenticabile.Ecco 10 cose da fare in un viaggio a Palermo.


1-Perdersi per il centro

A Palermo conviene girare a piedi, gli autobus sono affollati e c’è molto traffico, armatevi di scarpe e abbigliamento comodo, vi stupirete dei chilometri che avete fatto senza neanche accorgervene. Dalla Cattedrale al Teatro Massimo, dal Palazzo dei Normanni al Teatro Politeama i vostri occhi non avranno attimi di pace.

2 – Lo street food 

Panelle, crocchè, stigghiole, il panino con la milza e tanto altro: sapevate che Palermo è nella top10 mondiale dello street-food
Prima di incamminarvi per una degustazione itinerante date un’ occhiata a questo sito  http://www.crocche.it/ è un portale che racchiude tutte le migliori segnalazioni riguardo lo street food Made in Palermo, tutte le pietanze sono mappate e recensite.

Ovviamente solo dopo aver visto la puntata di “Unti e Bisunti” su Palermo.

3- I 4 Mercati

Andare per i mercati di Palermo è un’esperienza sensoriale da non perdere.
La Vucciria (tra Via Roma e Corso Vittorio Emanuele all’altezza dei Quattro Canti) mercato storico, ma ormai quasi inesistente, il vicino mercato de Il Capo (lungo via Carini e via Beati Paoli), il caratteristico e affollatissimo Ballarò (vicino alla Stazione Centrale, da piazza Casa Professa ai bastioni di corso Tukory verso Porta S. Agata), infine Borgo Vecchio (vicino al porto, in corso Scinà,tra piazza Sturzo e piazza Ucciardone) aperto tutta la notte.

Quando: dalle 8.00 alle 14.00 esclusa la domenica.


4 – Il Kassaro

Attraversare tutto il Kassaro, ovvero la Palermo vecchia, è una strada che inizia a Porta Nuova, finisce a Porta Felice e conduce fino al porto.

5 – Il Porto

Anche voi quando andate in una città di mare non riuscite a non andare al porto, come se foste in preda ad un richiamo primordiale? Odore di pesce, capelli che si scompigliano al vento, vi sedete in cima a guardare rapiti i pescatori nella loro paziente immobilità.
Allora siete dei port-addicted. 
Il porto di Palermo è un dei più grandi del mediterraneo, non vi deluderà.

6 – Scoprire Via dei Calderai

Difficilmente troverete questa via recensita all’interno di una guida turistica, ma se vi trovate nel quartiere ebraico, ed è ovvio che vi ci troverete, non potete perdervela.
La via Calderai va dalle vie LampionelliS. CristoforoLivorno e Giovanni da Procida alla via Maqueda.
calderai, o “quarara” (in siciliano la quarara è la caldaia), sono gli artigiani che producono bracieri, tegami, pentole ed altri oggetti in rame, alluminio o bronzo, che in questa strada avevano e hanno le loro botteghe.

Infatti tra le molte vie di mestieri che popolano Palermo questa è una delle poche che ancora conserva la sua tradizione.
Il paradiso dei ciottoli: tazze, lanterne, vasi, pentole, caldaie, bilance, padelle, focolari,ecc., tutti che penzolano sull’ingresso nascondendo quasi del tutto l’entrata delle botteghe. 
Se ci passate vi capiterà di imbattervi in qualche artigiano che batte il ferro caldo con in mano un arnese davanti al suo negozio.

7 – Mondello

Stretta tra il Monte Pellegrino e Monte Gallo è una delle più rinomate località balneari della Sicilia. Da Palermo ci arrivate con neanche mezz’ora di autobus (lo potete prendere in Piazza Castelnuovo). Per la sabbia fina e l’acqua chiara sembra di stare in una spiaggia tropicale.

8 – Catacombe dei Cappuccini e il Castello della Zisa

Meta ambita da artisti, storici, ricercatori le Catacombe si trovano nella omonima piazza Cappuccini e sono una sorta di cimitero sotterraneo che si sviluppa lungo circa cinque corridoi scavati a partire dal XVII secolo, all’interno dei quali sono conservati sugli ottomila cadaveri (essiccati)  in piedi o coricati. 
A pochi passi trovate il Castello della Zisa, una bella testimonianza della dominazione arabo-normanna in Sicilia, oggi sede del Museo di Arte Islamica.

–> Catacombe
Orari: tutti i giorni (domeniche e festivi compresi) ore 09.00-12.30/15.00-17.30. 
Prezzo: 3 Euro.
–> Castello
Orari: lun-dom 9-18.30
Prezzo: interi/ridotti € 4.50/2.50

9 – Le zone verdi

Difficilmente si trovano aree verdi all’interno del tessuto urbano delle città del sud Italia, ma Palermo non è una di queste.

Se vi trovate a Palermo e volete fuggire dalla calura o fare sport avete diverse opzioni.
Partendo dal porto e percorrendo tutto il Foro Italico, è possibile fare una passeggiata nel verde, lungo la costa, di circa un chilometro.
Incontrerete Villa Giulia,  un parco stupendo accanto all’Orto Botanico che si caratterizza come giardino all’italiana a pianta quadrata, con oltre 12.000 specie di piante. Continuando verso nord arriverete al Giardino Inglese (accanto a Villa Trabia), in via Libertà, il più noto e frequentato giardino della città.

10 – Guardatevi Palermo Shooting di Wim Wenders

Chiara Cerri

Sono una fotografa e web writer e vivo a Londra. Se mi cerchi mi trovi in riva al mare o in libreria.

1 Comment

    Leave a Reply

    Your email address will not be published.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.