Israele: 10 cose da sapere prima di partire

Pochi luoghi sono affascinanti come lo stato di Istraele. Dai siti religiosi, al luogo più basso sulla terra, la bellezza mozzafiato delle sue colline e vallate, l’impressionante quiete del Mar Morto, le antiche mura e percorsi di Nazareth e Gerusalemme. E ancora, il fascino del richiamo del muezzin, le devote preghiere degli ebrei ortodossi al Muro occidentale.
Israele è un paese piccolo, ma anche estremamente ricco di storia e cultura; al confine con la storia del mondo: vicino all’Egitto e alla Striscia di Gaza, ha la Giordania a est, la Siria e il Libano a nord, e a ovest è toccato da una splendida e lunga striscia di spiaggia.  La sua storia e vita politica è intensa e complessa, ma a parte questo è un paese che ha tanto da offrire in termini di storia, vita, e società. Insieme alla Giordania, all’Egitto e ai Territori palestinesi, Israele fa parte della Terra Santa e offre dei fantastici siti storici per i viaggiatori che desiderano immergersi nel fascino intrigante del Medio Oriente.


Israele: 10 cose da sapere prima di partire. Le cose utili da sapere prima di un viaggio in Israele per partire tranquilli e gorsi tutto il sapore del viaggio!

STORIA E POLITICA
Per quanto sia difficile descrivere la situazione storica e politica del moderno stato di Israele, sarebbe un’ingiustizia non fornire alcune informazioni di base in modo che ci viaggia sia consapevole delle questioni che hanno riguardato il paese fino ad oggi. Prima del 1948, il moderno stato di Israele era chiamato Palestina e sebbene non fosse riconosciuto a livello internazionale come uno stato, era la patria di circa 1 milione di palestinesi. Il moderno stato di Israele è nato nel 1948 a seguito del mandato delle Nazioni Unite che ha delineato i confini di Israele e quelli della Palestina. Da allora la questione è controversa, esiste un conflitto in corso, di fatto è una lotta per ottenere una terra. La storia è complessa, se siete interessati a saperne di più vi suggerisco vivamente di fare delle ricerche a riguardo.

SICUREZZA
Israele è un paese sicuro, ma essendo pur sempre un paese che ha dei conflitti interni è meglio partire con la consapevolezza che c’è una remota possibilità che qualcosa possa accadere.
Assicuratevi di rimanere aggiornati prima e durante il vostro viaggio, potete farlo consultando l’app e il sito della Farnesina. Le aree problematiche sono solitamente ai confini con la Striscia di Gaza, tuttavia, non abbiate paura di visitare alcune città bellissime come Gerico e Betlemme che fanno parte dei territori palestinesi.






Info pratiche

PASSAPORTO E VISTO
Per l’ingresso in Israele è necessario il passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di ingresso, mentre il visto d’ingresso non è richiesto per soggiorni turistici fino a novanta giorni, con la possibilità di un prolungamento a discrezione delle Autorità locali.
I controlli sono molto fiscali e vi verranno fatte alcune domande, tra le quali: il motivo per il quale vi recate nel paese, quanto intendete restare, se siete soli o conoscete qualcuno.
Non c’è motivo di allarmarsi e partire con ansia, sono domande di prassi che fanno sia all’andata che alla partenza.
L’unico problema potrebbe avvenire se siete stati in precedenza in paesi in conflitto con Israele ad esempio l’Egitto. Da ricordare anche che alcuni paesi come Iran, Libano, Libia,  Sudan, Siria, Yemen potrebbero farvi problemi in caso di arrivo dall’Israele.

VACCINAZIONI
Non sono obbligatorie, ma le uniche consigliate sono poliomielite e tifo.

LE LINGUE
L’ebraico e l’arabo sono le lingue ufficiali di Israele e dei territori palestinesi, tuttavia l’inglese è ampiamente parlato.

Piccolo vocabolario di base:

Ciao – Shalom

Arrivederci – Shalom

Per favore, Bevakashah

Grazie – Toda

Inglese? – Anglit?

Sì – Ken

No – Lo

MONETA
Nuovo Shekei israeliano

MANCE
Nei ristoranti, nei bar e per le guide turistiche, la mancia è intorno al 10-15%. Al di fuori dell’industria alimentare e del turismo, la mancia non è prevista né comune.

CONTRATTAZIONE
Con la contrattazione potete divertirvi nei mercati della Città Vecchia o per le vie di Jaffa  a Tel Aviv.

LO SHABBAT
È importante sapere che dal tramonto del venerdì al tramonto del sabato c’è il famoso Shabbat, un giorno sacro per gli ebrei, durante il quale molte attività commerciali fanno riposo, alcuni negozi e mercati stanno chiusi. Nella città di Tel Aviv però lo shabbat non è così rigido, quindi potete stare tranquilli.

COME VESTIRSI
Essendo un paese fortemente religioso, sia le donne che gli uomini dovrebbero vestirsi rispettosamente, in particolare noi donne dovremmo fare uno sforzo per coprirci un po’ di più del normale. Una camicetta con maniche lunghe, pantaloni e gonne sotto le ginocchia.

QUANDO ANDARE
Novembre-marzo è fresco e piovoso; Febbraio-marzo è quando il paese è rigoglioso e verde; Aprile-ottobre è estremamente caldo e secco.

DOVE ANDARE
Sicuramente Tel Aviv, la città più viva e giovane di Israele; Haifa, la terza città più grande del paese; e Gerusalemme, capitale. Il Mar Morto, il luogo più basso della terra, è un’altra destinazione popolare.
Se siete religiosi e desiderate visitare siti citati nella Bibbia, nella Torah o nel Corano, troverete infiniti siti di interesse in tutto lo stato. Questi siti differiscono per ogni religione, tuttavia Gerusalemme ha un significato importante per tutte e tre le religioni ed è assolutamente un’esperienza da non perdere.

Qui il mio itinerario di una settimana.

COSA MANGIARE
C’è l’imbarazzo della scelta nella cucina mediorientale. Assicuratevi di provare falafel, hummus, formaggio haloumi, shawarma (noto anche come kebab nel mondo occidentale), Baklava e del tè alla menta. E poi il Jerusalem Bagel, disponibile per le strade di Gerusalemme, uno street food molto economico.

 

Photo by John T on Unsplash
Photo by james ballard on Unsplash

Chiara Cerri

Sono una fotografa e web writer e vivo a Londra. Se mi cerchi mi trovi in riva al mare o in libreria.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.